Seguici su

Servizi socio-sanitari: “facciamo il punto” sul Distretto di Fidenza a cinque anni dall’accreditamento

Cos'è

Una delle parole chiave del convegno è “futuro”. Quello dei servizi socio-sanitari e quello delle persone del cui benessere i servizi si prendono cura. Tra il 2019 e il 2020 si conclude il primo quinquennio di accreditamento dei servizi socio-assistenziali del Distretto di Fidenza area anziani, disabili e minori. Ed è giunto il tempo di fare il punto su cosa ha funzionato, sui bisogni delle comunità, sui nodi istituzionali, organizzativi e politici, lasciando spazio alle rappresentanze sindacali dei lavoratori. Quali prospettive di evoluzione dei servizi si possono immaginare? A che punto è l’integrazione sociale e sanitaria sul nostro territorio? È possibile delineare un nuovo modello partendo da servizi, come quelli che fanno perno sulla domiciliarità, che oggi sono declinati secondo modalità molto diverse tra loro? Sono questi alcuni dei temi che venerdì 4 ottobre, a partire dalle ore 15, verranno portati nel piazzale delle Rose dell’Ospedale di Vaio, che diventa luogo di confronto e proposta anche alla luce delle indicazioni del nuovo Piano Sociale e Sanitario regionale. Il Convegno “Facciamo il Punto” vuole provare a disegnare un’evoluzione dei servizi che tenga conto di due paletti fondamentali: la rispondenza a nuovi bisogni, in stretta relazione con il profondo mutamento nella composizione della popolazione, e la sostenibilità complessiva del sistema. L’introduzione dei lavori è affidata a Andrea Massari, Sindaco di Fidenza. Poi gli interventi di: Massimiliano Franzoni, Presidente di Asp “Distretto di Fidenza”, Anahi Alzapiedi, Direttore delle Attività socio-sanitarie Ausl di Parma, Marina Balestrieri, della segreteria confederale Cgil Emilia Romagna, Angela Calò, della segreteria confederale Cisl di Parma e Piacenza, Eleonora Ciullo, della segreteria confederale Uil di Parma, Giorgio Pigazzani, Presidente del Comitato di Distretto. A Fabrizia Paltrinieri, del Servizio Politiche Sociali e Socio-Educative della Regione Emilia-Romagna, il compito della relazione conclusiva.